HOME BIOGRAFIA SPETTACOLI LABORATORI LIBRI STAMPA CONTATTI
Nel fango l'azzurro
Guardami - Quadri
per un'esposizione

Apro il silenzio
Body & Soul
L'eredità ideale
>>Del mio gran foco
Riservato

Quore
Senza Titolo

Museo Bernareggi
PAC - Milano
Tesori della Postumia


 
Il Leit Motiv della mia ricerca, non solo scenica, è il tema dell'amore, che qui corrisponde al desiderio di ritrovare la favola del cuore.
Un incontro delicato, senza abbandoni, fatto di sguardi e di passioni subito congelate in spazi poetico-visivi, come le musiche del Cinquecento e Seicento.
Sono brevi squarci lirici, piccoli quadri in cui l'Amore trova spazio dagli aspetti più gioiosi fino allo spasimo e alla sofferenza. Una creazione coreografica mai didattica, ma libera e tesa alla di riscoperta di una gestualità poco codificata che ora si avvicina ora si distacca dalla musica attorno alla quale si modella.
Un viaggio "a rime sparse" lungo le sottili spiagge della suggestione.


Piera Principe


NOTE ALLE SCELTE MUSICALI

Le musiche di autori del periodo rinascimentale (Francesco da Milano, Philippe Verdolet, Pietro Paolo Borrono, Bartolomeo Tromboncino) e di quello barocco (Giulio Caccini, Giovanni Girolamo Kapsberger) costituiscono il tessuto sonoro dello spettacolo.
L'itinerario musicale non segue una coerente linea cronologica, poiché questa non rappresenta il filo conduttore di un programma da concerto con probabili intenti didascalici circa un'epoca o un autore, ma offre il presupposto articolato di alternativi momenti di carattere emozionale.
L'atmosfera musicale, infatti, vuole evocare o accentuare, sulla base anche dei testi utilizzati, particolari atteggiamenti mentali che – nella "suggestione" di una vicenda sentimentale – investono di un'ulteriore valenza gestuale questo repertorio già di per sé significativo. Si tratte di danze, ricercari, toccate, preludi, bassi ostinati (per lo più brevi musiche strumentali con diverse funzioni e caratteri) e composizioni per voce o tiorba, che spaziano dal primo Cinquecento alla prima metà del Seicento, proposti seguendo criteri di esecuzione documentati dalle fonti teoriche e musicali dell'epoca, ossia secondo la prassi esecutiva antica e con copia di strumenti originali.


Paola Manfredini

GLI AUTORI
Francesco da Milano
(1497-1543)
Ricercar n. 84
P. Paolo Borrono
(fine XV sec. – dopo 1551)
Pavana chiamata
La Malcontenta
Philippe Verdolet
(? – prima 1552)
"Madonna qual Certezza"
Giulio Caccini
(ca. 1550-1618)
"Amarilli mia bella"
P. Paolo Borrono
(fine XV sec. – dopo 1551)
Saltarello chiamato
Rose Viole
Bartolomeo Tromboncino
(ca. 1470-1535)
"Non val aqua al mio gran foco"
G. Girolamo Kapsberger
(ca. 1575–1650)
Preludio 3° Canario
Toccata 3°
Toccata 6°
Francesco da Milano
(1497-1543)
Ricercar n. 7
Giulio Caccini
(ca. 1550-1618)
"Amor ch'attendi"
G. Girolamo Kapsberger
(ca. 1575–1650)
Preludio X
Toccata Arpeggiata